Home | DE | IT

Il monte dei Ladini

Da Ortisei si prosegue con l’autobus al Passo Gardena (2121metri). Da qui ci muoviamo sul sentiero 666 in direzione sud-est attraverso i pendii e le dorsali erbose fino alla Val Setus. Arrivati, si scala la ferrata (piuttosto ripida, ma facile) fino al Rifugio F. Cavazza al Pisciadù (2587 metri; rifugio gestito vicino al pittoresco Lech di Pisciadù).
Sempre proseguendo sul sentiero 666 si sale ancora verso sud, si attraversano i pendii posti in sicurezza con dei cavi di ferro e la conca della Val de Tita, fino ad un altopiano posto a 2965 metri Avanzando verso sud si arriva fino ad una biforcazione (ca. 2900 metri), per continuare brevemente sul vicino “Coburger Weg” (assicurato con una cavo d’acciaio) in direzione sud-est fino al Rifugio Boé (2871 metri), alternando salite e discese. Sul roccioso sentiero 627 si prosegue verso sud-ovest per ca. 45 minuti fino al Rifugio Forcella Pordoi (2829 metri; albergo; da qui si può scendere velocemente su un sentiero con il numero 627 a forma di serpentina) ed il Passo Pordoi (ca. 1 ora), per giungere 20 minuti più tardi da ovest al Sas Pordoi con la stazione a monte della funivia del Pordoi (2950 metri; albergo).
Con questa si scende fino al Passo Pordoi e alla strada delle Dolomiti (2239 metri; albergo; fermata dell’autobus). Da qui si ritorna attraverso il Passo Sella con l’autobus nuovamente ad Ortisei.

Accesso: Passo Gardena (2121 metri)
Itinerario:
666, 638
Lunghezza itinerario:
9235 m
Dislivello in salita:
1221 m
Dislivello in discesa:
396 m
Tempo di percorrenza:
4 h 40 m
Comune:
Selva, Corvara in Badia, Trento
Tipo di sentiero:
Sentiero alpinstico difficile
Caratteristica:
tratti attrezzati

IVA IT-02610190213
Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
OK